First look on Blender Video Editing

By | luglio 14, 2017

Da poche release il noto programma di grafica tridimensionale Blender ha aggiunto delle funzionalità di video editing ed ora C-Realm ha deciso di fare un giro di prova.

L’importanza di questa funzionalità è che su piattaforme Linux manca un serio programma di video editing e tanti progetti che si sono succeduti nel tempo non sono riusciti a prendere il volo, citiamo Cinellera, Openshot, Kino, Avidemux and so on.

Iniziamo.

Per poter entrare in modalità video editing è necessario aprire il programma e selezionare la modalità “Video editing” . La finestra che si apre ricalca in qualche maniera l’impostazione di tutti i programmi di video editing riutilizzando i concetti dell’interfaccia di Blender. Se non avete mai lavorato con questo programma in effetti potrebbe essere un po’ spiazzante ed è il caso di introdurre giusto un paio di concetti.

Il programma è suddiviso in aree, ciascuna delle quali può contenere arbitrariamente un certo tipo di contenuto.  Ciascuna area ha una header che contiene una barra degli strumenti e può essere posizionata al di sopra o al di sotto del riquadro dell’area. Per riconoscere la toolbar corrispondente basta posizionare il cursore presso l’area e la barra corrispondente verrà leggermente evidenziata.

Come possiamo vedere è presente una timeline ed un riquadro per l’anteprima del montaggio video. Per poter inserire un video clicchiamo sul pulsante Add della toolbar selezionando “Movie”: si aprirà una schermata per poter navigare il file system alla ricerca del file da inserire. Il file viene inserito nella time-line separando audio e video in canali diversia e l’unico modo per differenziarle è di selezionare lo “strip” e cliccare sull’opzione “Draw Waveform” delle proprietà. La selezione è molto poco intuitivamente con il tasto destro.

Le operazioni sulla singola strip ( ad esempio cancellazione, duplicazione, etc.)  sono ovviamente da compiere tramite il menu “Strip” ma anche attraverso l’area che si trova alla destra della timeline. Proprio in questa area vi sono tutti i comandi per effettuare operazioni di base sulla strip come: crop, offset, stretching, bilanciamento colore etc.  Sempre attraverso la stessa è possibile impostare la modalità di blend: normale, alpha, additiva, etc.

La mancanza di strumenti interattivi per impostare questo complica un po’ l’editing ma consente comunque di ottenere un elevato livello di precisione.

Inoltre molti parametri sono automatizzabili, ovvero è possibile far variare il loro valore nel tempo attraverso l’uso di key-frame, interpolandoli in varie modalità. La gestione di questi parametri avviene attraverso delle comode curve che permettono di aggiungere anche ulteriori key-frame, a patto che vi ricordate che per selezionare un punto dovete usare il tasto destro e non sinistro…

Per poter utilizzare questa feature detta “ipo-curve” è necessario variare un parametro nelle proprietà di una strip e premere il tasto I , a questo punto vi apparirà una curva nell’area alla quale potete aggiungere punti premendo Ctrl +Tasto SX Mouse e modificare con il tasto destro.

Il valore aggiunto di questo è notevole e lo avvicina ad editor video professionali ma in più ovviamente Blender consente di mixare video con scene 3D o creare notevoli effetti di transizione magari mappando un video su di una texture, chissà che magari non faremo un tutorial su di questo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *